guardia-finanza

Catania, false fatture per società mediche: tre denunciati, oltre 200 mila euro sequestrati

Tre persone sono state denunciate per reati tributari dopo che la Guardia di Finanza ha scoperto a Catania un sistema di frode fiscale, con profilo internazionale, con tre società coinvolte: i militari hanno individuato fatture per operazioni inesistenti per 750 mila euro e sequestrato oltre 200 mila euro (ritenuto il provento dell’evasione).

I soggetti denunciati sono i legali rappresentanti di due società mediche per dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture per operazioni inesistenti e un broker per emissione di fatture per operazioni inesistenti, finalizzate – secondo quanto ricostruito dagli investigatori, – a consentire alle due società di evadere le imposte.

Al centro delle indagini ci sono infatti due società del settore medico (attive nella fornitura di dispositivi chirurgici e apparecchiature elettromedicali a enti ospedalieri pubblici e privati): nel mirino degli investigatori sono finiti, in particolare, tre contratti di assicurazione per copertura del rischio di insolvenza dei crediti che avevano sottoscritto con una compagnia di assicurazione di diritto tedesco, avvalendosi dell’intermediazione di un broker.

Quest’ultimo avrebbe agito dietro lo schermo di una “società fantasma”, operando come “cartiera” ed emettendo false fatture per contratti di assicurazione in realtà mai esistiti. É stata la polizia tedesca a confermare l’inesistenza di qualsivoglia relazione commerciale tra la società tedesca e quelle catanesi, facendo scattare le denunce.

CONTRABBANDO DI CARBURANTE: SEQUESTRATE 3 SOCIETA’

BLITZ ANTIMAFIA AL BORGO VECCHIO: 20 ARRESTI A PALERMO

CORONAVIRUS: I DATI DELLA SICILIA DEL 13 OTTOBRE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI