Catania, ferirono Carabinieri per impedire l’arresto: eseguite sei misure cautelari

I Carabinieri di Catania hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare – una delle quali in carcere – nei confronti di sei persone; due di queste sono minorenni.

Queste sei persone sono accusate di avere aggredito e ferito alcuni Carabinieri nel tentativo di impedire l’arresto di un uomo di 37 anni, Pietro Masci, trovato in possesso di un consistente quantitativo di droga tra cocaina e marijuana, il 26 aprile scorso nel quartiere di San Giovanni Galermo.

In quella occasione, una decina di persone, giunta a bordo di scooter e a piedi, si scagliò in via Pantelleria contro i Carabienieri minacciandoli anche di morte, tanto che l’auto di servizio venne danneggiata. In carcere è finito Salvatore Musumeci, di 24 anni.

La moglie di Masci, Sonia Gangi, di 36 anni, Danilo Gaetano Aurora, di 22 e Liliana Bellia, di 54, hanno l’obbligo di presentarsi alla Polizia Giudiziaria. Due minorenni, infine, sono stati collocati in comunità. I sei sono indagati, a vario titolo, per concorso in resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale aggravata, lesioni personali e danneggiamento aggravato. Nell’aggressione due Carabinieri furono feriti e i medici stabilirono prognosi di 10 e 30 giorni.

DISSESTO GESIP, INDAGATI ORLANDO E CAMMARATA

SICILIA ZONA GIALLA, LE DICHIARAZIONI DI MUSUMECI

LA SICILIA DIVENTA ZONA GIALLA DAL 29 NOVEMBRE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI