Catania, rissa con colpi di pistola tra giovani: cinque persone arrestate

La Polizia di Stato di Catania ha dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misure cautelari detentive, emessa dal Gip del Tribunale di Catania su richiesta della Procura, nei confronti di cinque persone, ritenute, a vario titolo responsabili dei reati di rissa e lesioni personali, aggravate dall’uso di armi, detenzione e porto in luogo pubblico di più armi comuni da sparo, maltrattamenti in famiglia e danneggiamento di cose.

Le indagini riguardano la rissa degenerata in sparatoria all’uscita di una nota discoteca del Porto, la Ecs Dogana Club, dello scorso 21 aprile, in cui era rimasto ferito un giovane di 18 anni e il danneggiamento delle vetrine di alcuni esercizi commerciali.

Da accertamenti fatti dalla polizia, pare che il cantante neomelodico Niko Pandetta, nipote del boss Salvatore Turi Cappello, fosse quella notte nel locale (forse per un suo concerto). Ma la stessa questura sostiene di non avere elementi per dire che l’artista sia stato parte attiva della rissa. Pandetta potrebbe essere andato via prima che scoppiasse il putiferio.

REGIONALI, ASSEMBLEA DEL M5S: “COALIZIONE COL PD? CHIEDEREMO UN INCONTRO CON LA CHINNICI”

ELEZIONI REGIONALI, INDETTI I COMIZI: IN SICILIA SI VOTA IL 25 SETTEMBRE DALLE ORE 7 ALLE 23

LITE TRA CONVIVENTI, UN UOMO PICCHIA LA COMPAGNA INCINTA: UN ARRESTO NEL CATANESE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI