Catania, sequestrati beni per oltre 500 mila euro al boss Santo Strano

I Carabinieri del nucleo investigativo del Comando provinciale di Catania hanno sequestrato beni per un valore complessivo stimato in oltre 500 mila euro, fra i quali un’azienda e nove orologi di lusso, ritenuti riconducibili a Santo Strano, 54 anni, esponente di vertice del clan Cappello detenuto in regime di massima sicurezza.

Tra i beni sequestrati dai carabinieri, un appartamento a Catania, al Villaggio Sant’Agata, e un’impresa individuale di commercio al dettaglio di caffè torrefatto, sempre al Villaggio Sant’Agata, intestati alla moglie, Stefania Reale. E ancora rapporti bancari, nove orologi di marche prestigiosi e due braccialetti di tipo tennis con brillanti, già sequestrati dai carabinieri nel maggio 2015 e trovati in una cassaforte di Santo Strano in occasione del suo fermo di indiziato di delitto.

Le indagini hanno permesso di accertare che i beni sono stati frutto dell’attività illegale di Strano, già giudicato socialmente pericoloso con decreto irrevocabile del Tribunale di Catania dell’aprile 2010. Ha riportato una condanna definitiva (furti ed estorsione in concorso) e successivamente ha almeno fino al 2017 ha ricoperto ruoli di spicco nel clan mafioso.

Strano ha riportato condanne per associazione di tipo mafioso e partecipazione ad associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti. Sono stati diversi collaboratori di giustizia ad accusarlo. Secondo Domenico Querulo, Carmelo Di Mauro, Filippo Passalacqua, Orazio Cardaci, Paolo Mirabile, Natale Cavallaro, Gaetano D’Aquino, Vincenzo Pettinati, Gaetano Musumeci, Giuseppe Raffa, Carmelo Scordino e Sebastiano Sardo, avrebbe ricoperto il ruolo di responsabile del gruppo del clan Cappello che operava in via della Concordia.

MALTEMPO: ALLAGAMENTI A SIRACUSA, CROLLA ANCHE UN MURO

SALVINI A PALERMO: VERTICE CON I DEPUTATI ARS

PALERMO, ORLANDO CHIEDERÀ DI ESSERE INTERROGATO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI