Comuni, Orlando convoca l’assemblea straordinaria: “Servono azioni coraggiose”

Leoluca Orlando, presidente dell’Anci Sicilia, chiama a raccolta i 390 Comuni della Sicilia in un momento oggettivamente drammatico per le difficoltà economiche da superare. Da Roma hanno messo una piccola pezza sulla situazione finanziaria della Regione, la cui crisi si ripercuote inevitabilmente sugli enti locali, ma l’emergenza è tutt’altro che superata e ora Leoluca Orlando fissa l’obiettivo. L’appuntamento è per domani, 27 dicembre, ai Cantieri Culturali della Zisa di Palermo per una assemblea straordinaria.

“È necessario ed urgente il coinvolgimento non soltanto delle istituzioni locali ma anche delle forze economiche e sociali e delle istituzioni a associazioni religiose e laiche”. Una chiamata alle “armi”, insomma, un richiamo di responsabilità che va oltre l’appartenenza politica “in una fase storica così difficile – dice- in cui non c’è spazio per battaglie di parte e ciascuno deve assumersi senza ulteriore indugio la responsabilità di ciò che sta accadendo nei territori della nostra Regione”.

Orlando guarda ai giovani, allo spopolamento dei territori conclamato dalle cifre ufficiali e fissa un altro obiettivo, quello di “evitare che migliaia di siciliani e tantissimi giovani siano costretti alla fuga“: da qui l’esigenza di puntare “su azioni coraggiose” per frenare lo spopolamento, per superare la causa e al tempo stesso l’effetto di tale fuga e cioè l’attuale condizione economica caratterizzata da impoverimento territoriale e gravi carenze infrastrutturali”.

L’assemblea straordinaria dei Comuni siciliani vedrà anche la partecipazione di esponenti delle organizzazioni sindacali e ha già dato la sua adesione anche padre Antonio Garau, ispiratore del movimento ‘Valigie di cartone’.

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI