Confcommercio Sicilia a Musumeci. “Salviamo le imprese, sta affondando tutto”

Confcommercio Sicilia ha scritto una lettera – appello al governatore Nello Musumeci per chiedere un incontro. “Fare in fretta per cercare di salvare il salvabile – scrive il presidente Francesco Picarella – molte sono le imprese siciliane che, dopo l’emergenza, si troveranno alle prese con il mantenimento in vita. Comincerà un’altra battaglia, forse molto più dura in cui ci sarà bisogno del sostegno delle istituzioni per evitare che siano mietute vittime di altro tipo, mandando a gambe all’aria l’economia siciliana, già precaria”.

Il presidente Picarella sottolinea che “i malati gravi sono i settori turismo e trasporti e con la quarantena collettiva affonderà anche il commercio, in particolare abbigliamento e tempo libero. E si aggiunga il settore della vigilanza privata, piena di lavoro in questa fase, che non può attivare alcun ammortizzatore sociale, ma che difficilmente potrà essere pagata, nel breve e medio periodo. Ipotizziamo una perdita di 3-4 miliardi di euro sul consumo delle famiglie siciliane. Restare a casa non può e non deve significare la rovina. Servono aiuti e risorse straordinarie, naturalmente più di quanto non sia già stato fatto”.

Picarella chiede l’estensione della cassa integrazione alla imprese del commercio e sollecita Musumeci alla sottoscrizione del previsto accordo con le organizzazioni più rappresentative a livello nazionale per i datori di lavoro.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI