Confcooperative, Legacoop, Unci e Unicoop Sicilia contro la nomina di Viola nell’Esa

Le associazioni del settore cooperativo, Confcooperative, Legacoop, Unci e Unicoop Sicilia, affermano il loro malcontento in una nota congiunta dopo aver appreso della nomina, da parte del governo Musumeci, del rappresentante del mondo cooperativo nel consiglio di amministrazione dell’Esa, Vincenza Viola.

Il provvedimento, infatti è stato considerato unilaterale e non condiviso. “Il governo regionale siciliano continua ad adottare un ‘modus operandi’ che viola e offende il principio della rappresentanza – affermano -. Non è infatti la prima volta che una decisione, teoricamente in nome del movimento cooperativo, viene adottata scientificamente con un criterio soggettivo e non di condivisione”.

“Un atteggiamento inaccettabile che ancora una volta manifesta la volontà del Governo Musumeci, di non tenere in conto la rappresentatività delle associazioni che rappresentano il movimento cooperativo. Un atto gravissimo contro il quale adiremo alle vie legali, chiedendone l’immediata sospensione”.

“Non è pensabile continuare a marginalizzare i rapporti tra un’istituzione come la Regione e le associazioni che rappresentano un settore importantissimo quale è quello delle cooperative”.

“Tutto ciò rappresenta, purtroppo, un’involuzione della politica che, invece, dovrebbe essere l’apice di un comune sentire e non di protagonismi personali, che danneggiano da fin troppo tempo la nostra terra e la portano indietro nel tempo a riti e usanze di antica memoria”, concludono.

SIRACUSA, INCIDENTE TRA UN FURGONE E UN PULMINO CON BIMBI DISABILI: DIVERSI I FERITI

CATANIA, 17ENNE MUORE DOPO ESSERE STATO DIMESSO DALL’OSPEDALE: AVVIATA INCHIESTA

PALERMO, ANCORA FALSE VACCINAZIONI ALL’HUB IN FIERA: ARRESTATA UN’INFERMIERA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI