Guardia di Finanza

Contraffazione e “lavoro nero”, sequestrato a Borgetto un centro commerciale cinese

Un grande magazzino inaugurato da pochi giorni da imprenditori di nazionalità cinese, è stato sequestrato dalla Guardia di Finanza a Borgetto (Pa) a causa di irregolarità sui prodotti venduti e sui dipendenti dell’attività commerciale. Il responsabile, è stato denunciato alla procura di Palermo accusato di contraffazione nonché segnalato alla Camera di Commercio per le relative sanzioni pecuniarie che ammonteranno tra i 500 e gli oltre 25mila euro.

Sul fronti dei prodotti, sarebbero oltre gli 20mila articoli tra materiale elettrico ed elettronico, giocattoli, articoli per la casa, piccola pelletteria, orologi, prodotti cosmetici e dispositivi informatici non conformi alla normativa sulla sicurezza, contraffatti e con marchio Ce falso.

Inoltre, dei cinque lavoratori due svolgevano l’attività completamente “in nero”. Stante il superamento della soglia del 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro, è stata avanzata all’ispettorato provinciale del Lavoro di Palermo una proposta di sospensione dell’attività commerciale.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI