Coronavirus a Palermo, controlli sulla “movida”: sanzioni per oltre 30 mila euro

A Palermo non si fermano i controlli delle forze di Polizia finalizzati a far rispettare le misure di contenimento del Covid-19, nello specifico per quanto riguarda l’ambito della movida. Gli agenti di Polizia Municipale, unitamente agli agenti della Questura e ai militari della Guardia di Finanza, hanno effettuato un controllo ispettivo in via Pannieri/piazza Caracciolo, dove, all’atto del sopralluogo, dopo le 22, era in corso una serata danzante, con somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche.

Il locale era aperto al pubblico e dal controllo dei documenti è emerso che era sprovvisto della prescritta SCIA per la somministrazione di alimenti e bevande e della prescritta registrazione sanitaria. Si è proceduto, pertanto, a comunicare notizia di reato per attività di discoteca abusiva. Otto persone sono stati sanzionate per non avere ottemperato al divieto di circolazione dalle 22.00 alle 05.00 con verbale di 400,00 euro e, altresì, per il mancato utilizzo, insieme al titolare del locale, dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, con un altro verbale di 400,00 euro ciascuno. Le sanzioni ammontano a 15.200 euro.

Gli agenti della Polizia Municipale, inoltre, hanno controllato altri due locali, un market in piazzetta della Messinese e uno in via Roma che dopo le 22.00  erano aperti al pubblico e, all’interno, era in corso attività di somministrazione di alimenti e bevande al banco. I gestori sono stati sanzionati per inottemperanza alla sospensione delle attività dei servizi di ristorazione, con verbale di 400,00 euro e i locali posti sotto sequestro cautelare amministrativo di 5 giorni.

Per di più, entrambi i titolari e due avventori non ottemperavano all’obbligo di utilizzare la mascherina. Sono stati elevati nei loro confronti verbali di 400,00 euro ciascuno. Le sanzioni elevate nei due market ammontano a 15.498 euro.

APPROVATO IL DECRETO RISTORI QUATER

COVID, MUSUMECI A CONTE: “RIENTRI IN SICILIA CON TAMPONE OBBLIGATORIO 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI