Coronavirus, a Palermo via ai test “drive-in” in Fiera: 980 tamponi, 50 positivi

Si è concluso con 980 tamponi rapidi eseguiti e 50 positivi asintomatici individuati – che sono già stati isolati – la prima giornata di operazioni di tracciamento, alla Fiera del Mediterraneo di Palermo, attraverso i test effettuati con il metodo del ‘drive in’, in modo da accelerare le operazioni dello screening di massa. A coordinare le operazioni Renato Costa, commissario per l’emergenza Covid a Palermo, presenti anche Enzo Massimo Farinella e Tiziana Maniscalchi, rispettivamente direttore dell’unità di malattie infettive e responsabile del pronto soccorso Covid dell’ospedale ‘Cervello’, che fanno parte dello staff del commissario.

I primi ad essere convocati dall’assessorato regionale alla salute sono stati dirigenti scolastici, insegnanti e personale Ata. I test proseguiranno anche domani dalle 9 alle 16 e domenica dalle 9 alle 14, ma anche la prossima settimana: “Abbiamo tutti insieme scelto di dare la priorità al mondo della scuola, nel tentativo di scongiurare il blocco delle attività didattiche. – afferma il sindaco Orlando – Nei prossimi giorni, insieme alle autorità sanitarie regionali e all’asp, decideremo come aprire questo servizio a tutti coloro che vorranno verificare il proprio stato di salute in modo sicuro e veloce”.

Sul piano operativo sono stati individuati due percorsi separati ma paralleli. L’ingresso è previsto dal lato di via Sadat mentre l’uscita dalla parte dall’area bassa, passando per piazza Cascino e via Montepellegrino. La procedura prevede l’ingresso delle auto in Fiera e poi il passaggio davanti alle tende dove il personale dell’Asp Palermo, medici e infermieri, esegue il tampone rapido con l’utente che resta a bordo della propria vettura. Dopo alcuni minuti di attesa arriva l’esito: se è negativo viene rilasciato un certificato, se l’esito è positivo l’utente passa in altra tenda dove si effettuano i tamponi molecolari per accertare definitivamente l’eventuale positività.

QUANTO COSTA ESSERE… SICILIANI: L’INSULARITA’ “PESA” 6 MILIARDI

CORONAVIRUS E LOCKDOWN: LE DICHIARAZIONI DI MUSUMECI

EMERGENZA A VITTORIA: 410 CASI, FILE DI AMBULANZE AL “GUZZARDI”

MUSUMECI E IL DDL: “NESSUNO QUI VUOL RIAPRIRE SUBITO”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI