“Coronavirus al Sud? Più limitato se saranno rispettate le misure”: parla l’esperto

Come si diffonderà il virus nel resto d’Italia? La domanda è d’attualità, perchè se è vero che il ritardo nell’adozione di provvedimenti restrittivi ha consentito al focolaio lombardo di fare molti morti e molti contagiati nel nord Italia, l’adozione di provvedimenti sempre più rigorosi potrebbe permettere al Sud di non avere le stesse ripercussioni.

E’ questo il senso delle affermazioni rilasciate dal presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, all’agenzia Ansa. “E’ possibile che al Sud possa esserci una circolazione più limitata del nuovo coronavirus e che i picchi di pazienti che necessitano di terapia intensiva non siano così importanti come è stato al Nord, a patto che si rispettino le attuali misure stringenti di contenimento”.

“Al Sud i casi sono ancora limitati e se si agisce in un momento iniziale della curva epidemica si può intervenire in modo significativo. Ancora più cruciale, in tali aree, è dunque il rispetto delle misure”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI