Coronavirus, Geraci (Cisl Fp): “In Sicilia ignorato il piano per per combattere le pandemie”

“In Sicilia è stato ignorato il piano per combattere le pandemie, pronto da agosto del 2009 e mai attuato”. É la posizione del segretario della Cisl Fp Palermo Trapani, Lorenzo Geraci, che ricostruisce le tappe della vicenda e sostiene che ora la sanità dell’isola “paga il conto di questa negligenza”.

Geraci afferma: “Ad agosto del 2009 l’assessore alla Salute allora in carica Massimo Russo emana un decreto con il quale si predisponevano le linee guida del piano pandemico recependo le direttive nazionali, che a loro volta accoglievano le indicazioni della comunità internazionale” ricorda Geraci. Nel decreto, all’articolo 6, si prevede la “formazione di tutti gli operatori sanitari quale l’elemento cardine per conseguire prestazioni di qualità ed assicurare: omogeneità di conoscenze e di informazione alla popolazione, uniformità e condivisione dei protocolli e dei flussi informativi”, mentre con il precedente articolo 5 si prevede che “ogni Azienda deve stimare il fabbisogno di Dpi e la fornitura alle strutture di ricovero, ambulatori, 118, Mmg e Pls”.

Secondo la Cisl Fp Palermo Trapani, la direttiva è stata disattesa e non si è mai dato seguito a questo decreto che per legge avrebbe dovuto essere aggiornato ogni tre anni e invece è rimasto lettera morta. “Le conseguenze di tale negligenza stanno nei numeri – aggiunge Geraci – oggi si registrano un elevato numero di contagiati tra il personale medico, infermieristico ed assistenziale e alcuni decessi” e con il paradosso che proprio le strutture di Emergenza e Urgenza, 118, Pronto Soccorso, Terapie Intensive e Sub Intensive risultano essere una, se non la maggiore, fonte di contagio e trasmissione del Covid19″. Secondo la Cisl Fp, “è giusto in questo delicato momento emergenziale richiamare la cittadinanza ad assumere atteggiamenti responsabili, ma è altrettanto doveroso ricercare le responsabilità di coloro chiamati ad adempiere ed alla prova dei fatti non hanno provveduto”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI