Coronavirus, il bollettino della Sicilia del 30 luglio: 39 nuovi casi, nuovo allarme

Ancora un preoccupante rialzo dei dati. La Sicilia fa registrare 39 nuovi contagi da coronavirus ed è salita sul poco ambito “podio di giornata” dopo i 112 casi del Veneto e gli 88 della Lombardia. Lo riferisce il bollettino di oggi, 30 luglio, diffuso dal Ministero della Salute. Va precisato che 28 casi riguardano comunque migranti sbarcati nell’agrigentino, gli altri a Catania (6), Messina (2), Enna, Ragusa e Palermo (1).

Il numero totale dei casi sale a 3.272. Il numero degli attualmente positivi sale di 35 unità (totale 259) perchè ci sono anche 4 guariti. Nessun decesso, con il totale fermo a 283 ormai da tempo.

Quattro pazienti in più sono ricoverati (totale 35) mentre restano due soltanto in terapia intensiva. I tamponi processati sono stati 3.91.

Da segnalare che una novantina di persone che hanno partecipato a una festa di matrimonio a Nicosia (Enna) sono sottoposte a quarantena dopo la notizia che uno degli invitati, che vive e lavora in Germania, è risultato positivo al Covid 19 ed è stato ricoverato in ospedale al suo rientro dall’Italia. Tutti gli invitati saranno sottoposti a tampone nelle prossime ore mentre si stanno accertando i contatti che hanno avuto da sabato 26 luglio, data del matrimonio. Una delle partecipanti, già risultata positiva, è stata trasferita a Catania dove è ricoverata.

CONFRONTA I DATI CON QUELLI DI IERI, 29 LUGLIO

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 30 LUGLIO 2020

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI