Coronavirus, il costo del “lockdown”: la Sicilia ha già bruciato in un mese 2,1 miliardi

Quanto è costato alla Sicilia il cosiddetto “lockdown” e cioè la chiusura di tutte le attività produttive disposta dal Governo per arginare il contagio?

Secondo una elaborazione realizzata dallo Svimez, che studia il contesto economico del Mezzogiorno d’Italia, la Sicilia ha ‘bruciato’ in un mese 2,1 miliardi di euro di valore aggiunto: quasi mezzo milione sono i lavoratori rimasti a casa mentre i 600 euro del decreto ‘Cura Italia’ hanno coperto il 34,5% dei 1.740 euro persi da ogni autonomo e partita Iva.

Il lockdown ha riguardato, nell’isola, il 31,9 per cento delle imprese, mentre sono 164.649 i lavoratori tra autonomi e partite Iva rimasti senza fatturato, circa il 42% del totale dei lavoratori indipendenti: in fumo dunque oltre 250 milioni di euro per gli autonomi.

Categorie
economia
Facebook

CORRELATI