Coronavirus, il sindaco di Troina: “Ho un principio di polmonite. Ma non molleremo”

“La vostra vicinanza mi ha molto commosso”. Il sindaco di Troina, Fabio Venezia, si rivolge così via Facebook a tutti coloro che hanno espresso vicinanza nei confronti suoi e per tutta la comunità di Troina, che da ieri sera è stata resa zona rossa con provvedimento del presidente della Regione. Il sindaco conferma che in città “purtroppo il numero dei contagiati è salito a 109” e sottolinea come “ancora mancano i risultati di quasi un centinaio di tamponi”.

Venezia, che nei giorni scorsi si era messo in auto quarantena perché malato e in attesa di effettuare il tampone per il Covid-19, sottolinea: “Per chi in queste ore è in apprensione per il mio stato di salute voglio dirvi di non preoccuparvi. Mi trovo a letto con un po’ di febbre e ho dolori in tutto il corpo. La Tac ha evidenziato purtroppo un principio di polmonite e due piccoli focolai negli alvei polmonari. Ho iniziato le cure. Fin in quando le forze mi assisteranno continuerò a fare quello che posso. Per fortuna sono circondato da eccellenti collaboratori che in queste ore hanno raddoppiato il loro impegno nella gestione dell’emergenza e tutti insieme non molleremo fino a quando tutto non sarà finito. Vi voglio bene e vi abbraccio tutti idealmente”.

“Troina da ieri sera – ricorda – è stata dichiarata zona rossa: una scelta forte ma obbligata vista la grave situazione. I primi operatori sanitari dell’esercito sono già a lavoro e altri 16 fra medici e infermieri sono arrivati stamattina per dare supporto nei reparti dove sono ricoverati i disabili”. “Il mio pensiero commosso è rivolto a Elena, la ragazza disabile che purtroppo ieri non ce l’ha fatta, e a quanti sono in questo momento in ospedale o a casa a lottare contro questo oscuro male”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI