Coronavirus in Italia, bollettino 22 marzo: meno contagi ma la situazione peggiora

Il calo dei contagi, 13.846, non tragga in inganno. Sono oltre 6.000 in meno rispetto a ieri ma è solo l’effetto week end. In realtà i numeri peggiorano perchè i nuovi contagi scaturiscono da un numero di tamponi estremamente più basso, 169.196 (ieri più di 277 mila). È quanto si legge nel bollettino di oggi, lunedì 22 marzo 2021, diffuso dal Ministero della Salute.

Il rapporto tra test effettuati e positività sale dunque di nuovo sopra l’8%, per l’esattezza all’8,2%, con un balzo di un punto percentuale rispetto a ieri.

Torna a salire anche il numero dei morti: sono stati 386 (ieri 300) che portano il totale oltre quota 105.000.

Nuova impennata dei ricoveri: 627 in più nelle strutture ospedaliere (sfondata quota 31.000), di cui 62 in terapia intensiva (superata quota 3.500)

I casi totali da inizio epidemia sono 3.400.877. Ci sono in Italia 563.067 attualmente positivi, con un aumento rispetto a ieri di 8.605. Dall’inizio della pandemia sono invece 2.732.482 i guariti e i dimessi, con un incremento nelle ultime 24 ore di 32.720.

Sulle cifre del bollettino incide comunque (ma non in modo rilevante) un ricalcolo effettuato dalla provincia autonoma di Bolzano che ha aggiunto casi che finora non erano stati conteggiati.

Tra le regioni è l’Emilia Romagna oggi ad avere la palma del peggiore con 2.118 nuovi casi, 13 in più della Lombardia. Con più di 1.000 casi troviamo Piemonte, Lazio, Campania e Toscana.

Questo il quadro completo dei dati del Ministero:

• Attualmente positivi: 563.067
• Deceduti: 105.328 (+386)
• Dimessi/Guariti: 2.732.482 (+32.720)
• Ricoverati: 31.559 (+627)
• di cui in Terapia Intensiva: 3.510 (+62)
• Tamponi: 47.060.099 (+169.196)

Totale casi: 3.400.877 (+13.846, +0,73%)

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 22 MARZO 2021

I DATI ANALITICI DELLA SICILIA DEL 22 MARZO 2021

CONFRONTA I DATI CON QUELLI DI IERI, 21 MARZO 2021

MUSUMECI: “AUMENTANO I CONTAGI MA NON SIAMO IN EMERGENZA”

DI DIO: “DATI COVID GONFIATI ED ERRORI MADORNALI”

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI