Coronavirus in Italia, il bollettino del 30 novembre: 16.000 contagi, pochi tamponi

Scende vertiginosamente il numero dei contagi, + 16.377 ma scendono anche i tamponi, appena 130.524. È quanto si legge nel bollettino di oggi, lunedì 30 novembre, diffuso dal Ministero della Salute. Gli attualmente positivi diminuiscono di 7.300 mentre i guariti sono stati 23.004.

Nell’analisi dei dati quindi va tenuto conto il consueto “effetto domenica”, difatti il rapporto tra test e positività è del 12,5%, valore più alto rispetto a ieri. Sono scesi anche i decessi che sono stati 672.

Sale, per la prima volta dopo quattro giorni, il numero di pazienti ricoverati per il Covid negli ospedali italiani. Oggi sono 33.187, contro i 32.879 di ieri, con un incremento di 308 unità.

Scendono ancora, invece, le terapie intensive, con un calo di 9 unità. Il totale dei dimessi o guariti raggiunge 757.507, mentre quello dei morti invece 55.576.

Emilia Romagna e Veneto, con poco più di 2.000 casi, sono le Regioni con il più alto numero di contagi. La Lombardia, sotto quota 2.000, è terza.

Questo il quadro completo dei dati del Ministero:

• Attualmente positivi: 788.471
• Deceduti: 55.576 (+672)
• Dimessi/Guariti: 757.507 (+23.004)
• Ricoverati: 36.931 (+299)
• di cui in Terapia Intensiva: 3.744 (-9)
• Tamponi: 21.945.099 (+130.524)

Totale casi: 1.601.554 (+16.377, +1,03%)

CONFRONTA I DATI CON QUELLI DI IERI, 29 NOVEMBRE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI