Coronavirus, l’ospedale di Petralia Sottana ospita già i primi pazienti Covid

L’ospedale “Madonna dell’Alto” di Petralia Sottana, sulle Madonie, ospita i primi pazienti Covid positivi, assistiti e curati al terzo piano della struttura. In pochi giorni è stata rimodulata l’organizzazione, separati i percorsi ed adeguati gli impianti.

Secondo il direttore generale dell’Asp di Palermo Daniela Faraoni “ci sarà un secondo step di 50 posti letto ed un successivo, a regime, di 100 posti”. Con ingresso e percorsi separati, l’ospedale mantiene i posti letto per pazienti no-Covid di medicina, chirurgia e ginecologia. In tutto 20 posti-letto, occupati al primo piano. Resta il servizio di pronto soccorso.

“I pazienti vengono accolti nella tenda per il pre-triage – spiegano dall’ospedale – sottoposti a tampone rapido e se negativi, ospitati nell’area di emergenza, altrimenti si procede con il tampone molecolare e, in caso di positività, su un’ambulanza vengono condotti nell’ingresso dell’area Covid”.

In un’ala indipendente dell’ospedale rimane anche il consultorio familiare, mentre uffici anagrafe, Cup, esenzione ticket, con medicina legale e poliambulatorio e le attività specialistiche, sono stati trasferiti nel convento dei Padri Riformati di Petralia Sottana, messi a disposizione dell’amministrazione comunale.

In quest’ultima struttura è ospitata anche la Rsa dotata di 20 posti-letto. La vecchia scuola media di Petralia Sottana ospita i servizi dell’unita territoriale del dipartimento di prevenzione con igiene pubblica e servizio vaccinazioni, mentre i veterinari dell’Asp troveranno a breve ospitalità nella ‘Casa del Fanciullo’.

NEGOZI APERTI LA DOMENICA ANCHE DOPO LE 14

COVID, IL BOLLETTINO IN SICILIA (7 NOVEMBRE)

NUOVE “ZONE ROSSE” A CESARO’ E SAN TEODORO

CONTE AVVERTE: “RIFIUTANDO LE ZONE SI RISCHIA IL LOCKDOWN”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI