Coronavirus, Razza fa chiarezza sulla questione reagenti: “Nessun ritardo nelle diagnosi”

L’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha voluto fare chiarezza sul tema della disponibilità di reagenti per i tamponi (in Sicilia e in generale in tutta Italia) in un video su Facebook: “Questo vuol dire che si ritarda la diagnosi di un paziente che presenta una sintomatologia da Covid-19? No, perché anzitutto la valutazione medica è di natura clinica. La Tac può essere nelle condizioni di evidenziare una polmonite interstiziale e questa può essere messa agevolmente in correlazione dai medici con altre sintomatologie come la influenza, la febbre e le difficoltà di respirazione”.

“Questo ha permesso – aggiunge – e permette tutt’ora di trattare in aree separate i pazienti che siano in queste condizioni di salute, i quali ricevono le cure dei sanitari, non sono lasciati nel proprio domicilio e che vengono assistiti. Ovviamente farebbe piacere avere amcje metodi di analisi, i cosiddetti tamponi veloci, e forse l’Istituto superiore di sanità sta liberando una nuova tecnologia”.

“Se riusciremo a passare da sei ore di esame a solo 1 ora o 40 minuti, per la mole enorme di tamponi che la Sicilia sta facendo, molto più di tutte le altre regioni italiane, diminuiremo i tempi di refertazione. Ma deve essere chiaro – conclude l’assessore Razza – che se un paziente sta male, chiama il 118, interviene il sistema sanitario e viene immediatamente curato dal momento che la prima vera e unica diagnosi di qualsiasi malattia è la diagnosi clinica, quella che fa il medico”.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI