Coronavirus, bozza nuovo Dpcm: stop agli spostamenti nelle aree con scenari 3 e 4

Si avvicina il momento della definizione del nuovo Dpcm. Il premier Conte ha incontrato le Regioni, Comuni e Province per visionare l’ultima bozza. Presenti anche i ministri Boccia e Speranza, il commissario Arcuri e il capo della Protezione civile Borrelli.

Nella bozza è prevista, per le aree ad alto rischio che ricadono negli scenari 3 e 4 indicati nel documento dell’Iss “il divieto di ogni spostamento in entrata e uscita dai territori“. La differenza tra le zone che ricadono nello scenario 3 e in quelle che rientrano nel 4 sta nel fatto che in queste ultime sono vietati anche gli spostamenti “all’interno dei medesimi territori”, dunque a livello comunale e provinciale.

È previsto anche uno stop anche alle attività dei negozi e mercati nelle regioni, province e comuni a massimo rischio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari. Il provvedimento fermerebbe anche i mercati, tutte le attività di bar e ristorazione (salvo la consegna a domicilio e l’asporto consentito fino alle 22) e le attività sportive. Resta invece consentita l’attività motoria in prossimità della propria abitazione e con obbligo della mascherina. Per le aree ad alto rischio, dunque nelle zone arancioni, restano invece aperti i negozi ma chiudono bar e ristoranti. Limitato in queste zone anche “ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici e privati in un comune diverso da quello di residenza” salvo esigenze di lavoro, studio, salute e necessità.

Per le “zone rosse” niente possibilità di andare dal parrucchiere, dal barbiere o dall’estetista nelle zone rosse.

La pubblicazione del Dpcm dovrebbe arrivare entro stasera o comunque “nelle prossime ore” come affermato dalla sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa su Rai Radio1 a Radio anch’io.

La sottosegretaria parla di un lockdown simile al modello tedesco, “un lockdown light”. “È abbastanza complicato – ha spiegato- cercare di fare una misura sartoriale basata su zone, è uno sforzo grandissimo che stiamo facendo. Il tentativo è non paralizzare il paese, voglio che sia chiaro. Non sarà un lockdown rigido, ma simile al modello tedesco, light”.

BONUS SICILIA: PUBBLICATO IL NUOVO AVVISO

NUOVI POSTI LETTO: ROMA INDICA LE IMPRESE PER GLI APPALTI

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 2 NOVEMBRE 2020

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 2 NOVEMBRE 2020

 

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI