Corruzione al Comune di Palermo, la Procura chiede nove rinvii a giudizio

La Procura di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio di nove persone nell’ambito dell’inchiesta “Giano Bifronte” che sei mesi fa aveva portato a un blitz con ordinanze di custodia cautelare. La richiesta riguarda i componenti di una cosiddetta “cricca” che avrebbe dato vita a un vero e proprio comitato d’affari composto da imprenditori e professionisti in grado di incidere sulle scelte gestionali di dirigenti pubblici e amministratori locali.

L’8 ottobre ci sarà l’udienza preliminare. A rischiare il processo con le accuse di corruzione e falso ideologico in atti pubblici sono Mario Li Castri, 54 anni, Fabio Seminerio, di 57, e Giuseppe Monteleone, di 58; Giovanni Lo Cascio, ex capogruppo del Pd e presidente della commissione Urbanistica del Comune, Sandro Terrani, all’epoca capogruppo di Italia viva, membro della commissione Bilancio; i costruttori Giovanni Lupo Francesco Lo Corte, della Biocasa srl; Agostino Minnuto, direttore dei lavori di un cantiere della Biocasa e l’architetto Giovanna D’Attardi, compagna di Monteleone, che dalla Biocasa avrebbe avuto diversi incarichi.

BONUS SICILIA, CORREZIONE AL BANDO DA 125 MILIONI

GESTIONE DEL CIMITERO DI MONREALE, 27 AVVISI DI GARANZIA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI