Corruzione e voto di scambio, il Gip archivia l’indagine sull’assessore regionale Turano

Il Gip di Trapani ha archiviato l’indagine per corruzione e voto di scambio nei confronti dell’assessore alle Attività produttive della Regione Siciliana, Mimmo Turano.

Turano, che è stato assistito dall’avvocato Lillo Fiorello del foro di Palermo, ha commentato: “Ho sempre avuto la massima fiducia nella giustizia e la certezza di essermi sempre mosso con correttezza e limpidezza. Ringrazio il mio avvocato e soprattutto il Presidente della Regione che fin dal primo momento di questa amara vicenda mi ha manifestato comprensione e fiducia”.

L’indagine era nata nel novembre 2018 nell’ambito dell’operazione Palude, un’attività investigativa della Guardia di Finanza che portò alla luce un sistema finalizzato ad assicurare indebite agevolazioni a numerosi soggetti privati ed imprenditori in relazione agli adempimenti in materia di edilizia privata e pubblica di competenza del Genio Civile di Trapani e all’affidamento di lavori pubblici. A Turano, che all’epoca dei fatti era deputato regionale, veniva contestato un “patto corruttivo” con Giuseppe Pirrello, ingegnere capo del Genio Civile.

CORONAVIRUS, PROBLEMI A PALERMO ALLA RAP E IN UNA CLINICA

MUSUMECI, NEL DECRETO LAMPEDUSA MISURE INADEGUATE

 

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI