Corsa di cavalli non autorizzata e maltrattamenti, 17 denunce a San Fratello

Scattano 17 denunce per maltrattamento di animali, competizioni non autorizzate e mancata esecuzione di ordine legalmente dato a San Fratello, nel Messinese.

I Carabinieri della compagnia di Santo Stefano di Camastra, nell’ambito di un servizio volto al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, hanno denunciato 17 persone per i fatti accaduti il 10 maggio durante i festeggiamenti religiosi dei patroni “Dei tre Santi”.

Ai denunciati è contestato, a vario titolo, di “avere sottoposto a fatiche e sevizie anche mediante l’uso di frustini“ sugli animali, dando vita a competizioni abusive, con rischio per i numerosi fedeli presenti lungo le vie”. Durante la gara sono caduti un fantino e il suo cavallo. Quest’ultimo è morto alcune ore dopo per le ferite riportate.

I militari, considerato l’elevato numero di cavalieri e le migliaia di fedeli presenti, al fine di evitare ulteriori disordini, il giorno della festa hanno evitato di interrompere il galoppo e di elevare contestazioni, anche amministrative, “al fine di non turbare l’Ordine e la Sicurezza Pubblica anche in relazione al forte sentimento di partecipazione presente”, precisano i Carabinieri. Le successive indagini hanno accertato i maltrattamenti e provocato le denunce a piede libero.

PALERMO, I CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE DELLA DC NUOVA: “LA MAFIA CI FA SCHIFO”

RAOUL RUSSO È STATO NOMINATO NUOVO COMMISSARIO DI FRATELLI D’ITALIA PER PALERMO CITTÀ

SVOLGEVANO SERVIZI DI GUARDIANI ABUSIVAMENTE, CINQUE INDAGATI NEL CATANESE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI