Corsi Oss farlocchi: la Regione avvia un’ispezione dopo lo scoop di “Striscia la Notizia”

L’assessorato regionale alla Salute ha disposto la sospensione dell’accreditamento, finalizzata alla revoca, degli enti titolari dei corsi di formazione in Sicilia per operatori socio-sanitari finiti al centro di un’inchiesta giornalistica di “Striscia la notizia”.

E’ stata quindi avviata una attività ispettiva da parte del dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico per accertamenti sulla vicenda. Inoltre è stato richiesto un approfondimento sulla gestione e sull’organizzazione di tutti i corsi di formazione per operatori socio-sanitari, per valutare eventuali ulteriori iniziative.

Secondo quanto evidenziato da Stefania Petyx nel tg satirico, infatti, la Regione siciliana spende milioni di euro per la formazione professionale e il contrasto alla disoccupazione, ma alcuni enti permetterebbero l’ottenimento di attestati senza neanche effettuare un tirocinio o studiare.

Nel servizio realizzato a Canicattì, il titolare e la moglie segretaria promettevano attestati facili senza obbligo di frequentazione ma pagando una cifra che arrivava fino a 4.500 euro. Sono stati scoperti dalla giornalista attraverso microfoni e telecamere nascoste.

CONGRESSO CISL, CARFAGNA: “IN ARRIVO 3,5 MILIARDI PER LE INFRASTRUTTURE IN SICILIA”

PALERMO, FRODE AD ASSICURAZIONI CON FALSI INCIDENTI: OTTO FERMI E 23 INDAGATI

LAVORO, ALLARME DELLA CISL SICILIA: “NUOVE ASSUNZIONI CROLLATE DEL 40%. C’È INCERTEZZA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI