Corte dei Conti, assoluzione in appello per Lupo: “Legittimi gli incarichi di consulenza”

Giuseppe Lupo, capogruppo Pd all’Ars, è stato assolto dai giudici della Corte dei Conti che hanno dichiarato la nullità dell’istruttoria svolta dal Pm e del conseguente atto di citazione. La procura della magistratura contabile aveva contestato alcune consulenze richieste da Lupo quando, nel corso della scorsa legislatura, ricopriva la carica di vicepresidente dell’Ars. La sentenza arriva dopo l’assoluzione nel giudizio di primo grado del 17 aprile 2020.

“Finalmente viene ribadita anche in appello la correttezza dell’operato di Lupo che ha dimostrato la legittimità di ogni singolo incarico conferito“, dicono i suoi legali che evidenziano come nella sentenza di appello, emessa dalla Sezione d’Appello della Corte dei Conti per la Regione Siciliana presieduta da Giuseppe Aloisio, emerga l’assenza di “alcuna e concreta notizia di danno ipoteticamente imputabile al nostro assistito”.

Lupo è stato difeso dagli avvocati Giovanni e Giuseppe Immordino dello studio Immordino e dall’avvocato Fulvio Ingaglio La Vecchia di Itstudiolegale.

COVID IN SICILIA, RAZZA: “STIAMO INCREMENTANDO LE PRIME VACCINAZIONI”

SCUOLA IN SICILIA, PROF VACCINATI E TUTTI CON LA MASCHERINA

GREEN PASS, PROTESTA A PALERMO: “BASTA DITTATURA”

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI