Covid, controlli dei Nas in tutta Italia: scoperti 281 tra medici e sanitari ‘no-vax’ al lavoro

I Carabinieri del NAS, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno controllato presso 1.609 strutture e centri sanitari pubblici 4.900 posizioni relative a medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari, infermieri, fisioterapisti e altre figure, accertando 281 situazioni irregolari dovute all’esercizio della professione in assenza della vaccinazione anti-Covid. In provincia di Palermo sono state sospese due farmacie. Medici e altri operatori sono stati scoperti tra Catania e Messina.

Il servizio di controllo ha determinato anche l’avvio di accertamenti nei confronti di Aziende Sanitarie di alcune Regioni e Provincia Autonoma (Calabria, Sicilia, Molise, Bolzano-Alto Adige) per possibili condotte omissive e di inerzia nella regolare predisposizione dei provvedimenti amministrativi e disciplinari nei confronti del personale risultato non vaccinato.

Tra i professionisti controllati è emerso che 126 di loro eseguivano prestazioni seppur già destinatari del provvedimento di sospensione dall’Ordine professionale su segnalazione dell’Autorità sanitaria (ASL, ASP, ATS, etc.), continuando a svolgere la libera professione presso gli studi medici di proprietà o presso ambulatori, come pure all’interno di reparti in ospedali pubblici e cliniche private, in ragione del loro incarico di medico o infermiere.

Tali condotte hanno portato al deferimento presso l’Autorità Giudiziaria per l’ipotesi di reato di “Esercizio abusivo della professione sanitaria” poiché sorpresi in servizio malgrado fossero stati sospesi dall’Ordine professionale. In tale ambito, sono stati individuati anche otto medici di famiglia, tra medici e pediatri di medicina generale operanti in alcune Regioni (Abruzzo, Sardegna, Campania e Lazio), risultati non essersi mai sottoposti a vaccinazione.

MALTEMPO, ALLERTA METEO GIALLA IN TUTTA LA SICILIA PER IL 3 DICEMBRE: RISCHIO TEMPORALI

CALTAGIRONE, AUSILIARIO RUBAVA I FARMACI DELL’OSPEDALE: AGLI ARRESTI DOMICILIARI UN 61ENNE

ENNA, ALLEVATORE UCCISO E POI DATO A FUOCO: ARRESTATE QUATTRO PERSONE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI