Covid e “malasanità”: altre aspre polemiche sull’ospedale di Petralia Sottana

Il momento “bollente” della sanità siciliana non è finito. Dopo il clamore suscitato ieri dalle dichiarazioni di Mario La Rocca, dirigente generale dell’assessorato regionale della Salute, si registra adesso un duro “scambio di opinioni” tra il commissario per l’emergenza Renato Costa e il vice segretario del Cimo – il sindacato dei dirigenti medici – Angelo Collodoro. Secondo il Cimo, l’ospedale di Petralia Sottana è “inadeguato ad accogliere pazienti in terapia intensiva”, il commissario Costa parla di “polemiche stucchevoli”.

“In quel presidio – sostiene Collodoro – manca tutto: arredi, letti, persino i gorgogliatori per l’ossigenoterapia, indispensabili per l’assistenza di malati Covid. Sono introvabili in tutta Italia e forse anche all’estero. Gli impianti di ossigenazione presenti a Petralia, inoltre, possono erogare fino a un massimo di sei litri al minuto e quindi non possono sostenere il flusso di ossigeno che serve a un paziente affetto da coronavirus il quale ha bisogno, a seconda dello stato di salute, tra i 15 e i 40 litri minuto di ossigeno. Mancano i filtri di aerazione e la pressione negativa, che servono a espellere l’aria carica di virus. Non penso che sia possibile realizzare tutto in pochi giorni”.

Secondo Collodoro “si vuol chiudere la sala operatoria per inventarsi un’improbabile rianimazione con 4 posti. Non è, invece, chiaro perché si possa trasformare l’Ingrassia di Palermo in Covid hospital. Il paradosso è che i medici dell’Ingrassia dovrebbero essere trasferiti a Petralia a fare i tutor ai giovani neolaureati”.

Immediata la replica del commissario Renato Costa: “Petralia Sottana ha un ospedale dove esistono sale operatorie e medici anestesisti rianimatori, inoltre si avvale del supporto di una elipista e, secondo le valutazioni già fatte dai tecnici, potrà avere fino 50 posti letto con un’unità critica con 4 postazioni. Il presidio è stato valutato dall’ufficio tecnico dell’Asp, dal responsabile dell’ufficio prevenzione e sicurezza dell’Asp che hanno dato idoneità al ricovero di pazienti Covid. Non voglio entrare in polemiche stucchevoli, stiamo cercando di affrontare l’emergenza. Le valutazioni vanno fatte sulla scorta di fatti oggettivi”. Per quanto riguarda l’Ingrassia, Costa precisa che “c’è bisogno a Palermo di un pronto soccorso aperto a tutti, con un ospedale che ha una cardiologia ed una emodinamica di eccellenza ed altri importanti reparti che servono una grossa fetta di città, ma anche i comuni limitrofi, come per esempio Monreale”.

SANITÀ, C’È DA FARE PIAZZA PULITA E SUBITO

POSTI LETTO COVID, IL MINISTERO MANDA GLI ISPETTORI IN SICILIA

IL “GIALLO” DEI POSTI LETTO: L’AUDIO – CHOC DI LA ROCCA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI