Covid, Figliuolo: “Terza dose a quattro mesi. Preoccupano i 5,7 milioni di non vaccinati”

Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, durante una visita al l’hub vaccinale della caserma Vian di Cuneo, ha fatto il punto della situazione sulla campagna vaccinale.

Dal 10 di gennaio si partirà con la terza dose a quattro mesi e questo ci darà un ulteriore impulso – afferma – . Stiamo correndo per cercare di arginare la variante Omicron e dobbiamo continuare. Mi preoccupano gli indecisi, quei 5 milioni e 750 mila che non hanno avuto alcuna dose“.

Figliuolo evidenzia che “siamo quasi al 90% fra prime dosi e guarigioni però soprattutto nella fascia tra i 30 e 59 anni ci sono ancora milioni di persone che potrebbero essere raggiunte dalle inoculazioni: potrebbero anche loro dare una mano ad arginare il virus e soprattutto le varianti“.

“Ora abbiamo un’altra arma che è il vaccino Novavax, la cui prima tranche di 2,9 milio di dosi – circa 1,5 milioni – arriverà tra fine dicembre e inizio gennaio – continua – . È un vaccino di tipo proteico e io spero che questo ulteriore vaccino, che non è Rna e che è sicuro come gli altri, ci potrà dare nuovo impulso. Sarà usato per i cicli primari, dai 18 anni in su, e penso che in qualche modo potrebbe attirare quegli indecisi che magari stanno cercando di capire meglio cosa fare”.

PALERMO, LUNGHE CODE PER IL TAMPONE IN FIERA. CARONIA (LEGA): “AUMENTARE SPAZI E TEMPI”

ERICE, TROVATO IN CAMPAGNA IL CADAVERE DI UN UOMO DI 37 ANNI: SI INDAGA PER OMICIDIO

DROGA, BLITZ DEI CARABINIERI NELL’AGRIGENTINO E NEL NISSENO: 7 ARRESTI, 19 DIVIETI DI DIMORA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI