Covid, in calo l’indice Rt nazionale e l’incidenza: i dati del monitoraggio Iss

Continuano ad arrivare segnali confortanti sulla situazione del Covid in Italia. Dalla bozza del monitoraggio settimanale sull’epidemia, oggi all’esame della Cabina di Regia, emerge che è ancora in calo, nel periodo 25 agosto – 7 settembre 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici che è stato pari a 0,85 (range 0,83 – 0,95), al di sotto della soglia epidemica e in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando il valore era pari a 0,92.

Scende anche l’incidenza dei casi ogni 100 mila abitanti (ed è questo uno degli indicatori decisionali chiave) che passa, nel valore nazionale, da 64 della scorsa settimana a 54 di quest’ultima (periodo 10-16 settembre). Il tasso di occupazione in terapia intensiva dei malati di Covid, aggiornato al 14 settembre, vede un valore del 5,8% mentre quello delle aree mediche a livello nazionale diminuisce leggermente al 7,2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in diminuzione da 4.307 (7/09/2021) a 4.165 (14/09/2021).

Sono quattro per Regioni/Province autonome che risultano classificate a rischio moderato (Abruzzo, Molise, Provincia autonoma di Bolzano e Provincia autonoma di Trento), rispetto alle tre della scorse settimana. Le restanti 17 Regioni/Province autonome risultano classificate a rischio basso. Solo la Provincia autonoma di Bolzano riporta un’allerta di resilienza. Nessuna riporta molteplici allerte di resilienza.

MAFIA A BAGHERIA, TRE NUOVI ARRESTI

GREEN PASS OBBLIGATORIO PER TUTTI I LAVORATORI PUBBLICI E PRIVATI 

ARS, INCENDI: LA POSIZIONE DI LUPO E CRACOLICI (PD)

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI