Covid in Italia, Gimbe avverte: “Casi a +37% in 7 giorni. E in 3 settimane prime dosi crollate”

Casi e ricoveri in aumento, ma soprattutto una campagna vaccinale che sul fronte prime dosi ha frenato vistosamente. É quanto emerge dal consueto monitoraggio settimanale della fondazione Gimbe, che analizza i dati dell’ultima settimana ma anche l’andamento della campagna vaccinale.

Nell’ultima settimana, Gimbe segnala un aumento dei nuovi casi di Coronavirus in Italia del 37,7%, mentre si registra un +14,8% di ricoveri in ospedale e un aumento del 9,4% per le terapie intensive. “Per la terza settimana consecutiva – dichiara Nino Cartabellotta, presidente Gimbe – si conferma un incremento dei nuovi casi settimanali e una media giornaliera più che raddoppiata in meno di un mese”. Situazione che fa temere l’introduzione di restrizioni da zona gialla in alcune aree se il trend dovesse continuare.

I dati mostrano una situazione molto eterogenea: si va dal +12,7% della Toscana al +75,3% della provincia autonoma di Bolzano. In 66 province si superano i 50 casi ogni 100 mila abitanti; in tre province si va oltre i 150 casi per 100 mila abitanti: sono Trieste (479), Bolzano (260) e Gorizia (221).

E nel frattempo rallenta la campagna vaccinale: se le terze dosi infatti non decollano, le prime dosi sono crollate del 75,4% in tre settimane. Al momento sono 2,7 milioni gli over 50 che ancora devono vaccinarsi.

IL MALTEMPO FLAGELLA LA SICILIA OCCIDENTALE

SINDACI SICILIANI PRONTI A DIMISSIONI DI MASSA

BILANCIO DI PREVISIONE, IL PD ATTACCA: “COSÌ IL GOVERNO MUSUMECI AGGRAVA IL DISAVANZO”

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 10 NOVEMBRE 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI