Covid in Sicilia, casi in aumento del 47% in una settimana: i dati della Fondazione Gimbe

In Sicilia i nuovi contagi da Covid sono aumentati del 47,6% nell’ultima settimana. È questo il dato più preoccupante che emerge dall’ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe relativa ai giorni che vanno dal 7 al 13 luglio.

Il report evidenzia in Sicilia una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi, 78, per 100.000 abitanti. La notizia confortante è che la situazione negli ospedali si mantiene stabile e non critica. Restano infatti sotto la soglia di saturazione i posti letto in area medica e terapia intensiva occupati da pazienti Covid.

Nella settimana 7-13 luglio in tutte le Regioni, ad eccezione di Basilicata e Valle D’Aosta, si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente per la progressiva diffusione della variante delta. La media nazionale conta un aumento del +61,4%. I decessi, invece, continuano a scendere, attestandosi nell’ultima settimana a 104 con una media di 15 al giorno rispetto ai 24 della settimana precedente.

Sul fronte dei vaccini, la Sicilia si riconferma fanalino di coda: la percentuale di popolazione con ciclo completo è pari al 38,9%, a cui aggiungere un ulteriore 15% solo con prima dose. E l’Isola è penultima, dopo la provincia autonoma di Bolzano. Stessa posizione per quanto riguarda la percentuale di popolazione over 80 con ciclo completo è pari al 77,9% a cui aggiungere un ulteriore 4,9% solo con prima dose. A fare peggio della Sicilia è solo la Calabria (78,2% e 4,4%).

DI DIO (CONFCOMMERCIO): “RAGGIUNGERE SUBITO L’IMMUNITÀ DI GREGGE”

TAMPONE OBBLIGATORIO PER CHI ARRIVA IN SICILIA DA MALTA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 14 LUGLIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI