Covid in Sicilia: ospedali ancora sotto la soglia critica, ma i casi aumentano

Ospedali ancora non a livelli critici, ma in Sicilia i nuovi casi di positività al Coronavirus aumentano. Questi i due indicatori principali dell’analisi della Fondazione Gimbe di Bologna sui dati relativi alla settimana tra il 17 al 23 marzo.

L’allerta è soprattutto sul fronte dei positivi: il parametro degli “attualmente positivi ogni 100.000 abitanti” sale a quota 338, erano (303 settimana precedente) mentre in una settimana sono aumentati del 20% i nuovi casi diagnosticati.

Tiene per il momento invece la situazione negli ospedali siciliani, dove i dati sono sotto la soglia critica e sotto la media nazionale (che invece è oltre): saturazione dei posti letto complessivi in area medica al 21% (la soglia critica è al 40%, media nazionale ora è al 43%); saturazione in terapia intensiva al 15% (soglia critica al 30%, media del Paese al 39%).

Sul fronte dei vaccini invece la Sicilia deve recuperare ancora del terreno: in Sicilia la prima dose è stata somministrata al 21,5% della popolazione (la media in Italia è del 27,4%) e al momento il 16,5% dei siciliani over 80 ha completato il ciclo (media Italia 19,1%). In totale nell’Isola è il 4,1% dei siciliani ad aver completato il ciclo vaccinale (la media nazionale è del 4,4%).

COSTA: “A PALERMO NESSUN TAGLIO AI VACCINI”

RECOVERY, ASAEL SCRIVE ALLA REGIONE: “QUALE STRATEGIA PER LA SICILIA?”

NUOVO BLITZ ANTIMAFIA A BORGO VECCHIO: 15 MISURE CAUTELARI

NUOVA ZONA ROSSA E SCUOLE CHIUSE IN 22 COMUNI

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI