Covid, la situazione in Sicilia peggiora: contagi in aumento e spettro “zona rossa”

Spettro “zona rossa” sulla Sicilia. L’Isola resterà in zona arancione nei prossimi giorni (il 10 gennaio in virtù dell’ultimo decreto legge e dall’11 al 15 in virtù dell’ordinanza del ministro della Salute) ma la situazione in Sicilia sul fronte dei contagi da Coronavirus è sempre più preoccupante. Si pagano a caro prezzo misure non efficaci e situazioni di affollamento fin troppo frequenti. E ora non è da escludere che in poco tempo la regione finisca nell’area con la più alta classificazione di rischio.

Il bollettino del 9 gennaio conferma una tendenza drammatica: la Sicilia è tornata ad essere la regione con il più alto tasso di contagi sul numero di tamponi eseguiti (1839 positivi, 17,6%) e Palazzo d’Orleans si è trovata costretta a intervenire istituendo nuove “zone rosse”, valide fino al 31 gennaio (su tutte quelle di Messina, invocata dal sindaco Cateno De Luca e predisposta con ordinanza di Musumeci nella giornata di ieri).

Ed ecco che il nuovo Dpcm (che sarà discusso a Roma nella giornata di lunedì) potrebbe incidere sulla situazione dell’Isola: l’ipotesi è quella di prevedere – oltre ai parametri legati all’indice Rt – una “zona rossa” automatica qualora si raggiunga una incidenza settimanale di 250 casi ogni 100 mila abitanti. E la Sicilia, purtroppo, non è così lontana: se a partire da lunedì, i dati degli ultimi giorni in Sicilia rimanessero costanti per tutta la prossima settimana, l’Isola finirebbe direttamente in zona rossa. E sarebbe un passo inevitabile per evitare che la diffusione del virus vada davvero fuori controllo.

Alla necessità di contenere la pressione sugli ospedali (a “Villa Sofia” a Palermo sarebbe scoppiato un secondo focolaio – a Medicina – dopo quello in pronto soccorso) si aggiunge infatti quella di procedere il più velocemente possibile con la campagna di vaccinazione. Sinora la Sicilia ha viaggiato a un ritmo anche superiore alla media nazionale, con un’ampia adesione del personale sanitario e parasanitario. Ma ora serve fare in fretta: il virus nel frattempo continua a correre.

“ZONA ROSSA” A MESSINA, RAMACCA E CASTEL DI IUDICA

IL BOLLETTINO DELLA SICILIA DEL 9 GENNAIO 2021

IL BOLLETTINO NAZIONALE DEL 9 GENNAIO 2021

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI