Covid, Locatelli: “Il coprifuoco è ancora strategico. Serve gradualità nelle riaperture”

Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Cts, è stato intervistato per Repubblica e ha parlato di uno dei punti più controversi del decreto riaperture, quello riguardante il coprifuoco.

Fissare un’ora di restrizione di movimento è una strategia prudenziale – afferma Locatelli – per mantenere una situazione di controllo dei contatti sociali che possono avvenire la sera ed essere connotati da un particolare profilo di rischio. Poi la decisione del governo potrà essere rivalutata nelle prossime settimane alla luce dell’evoluzione del quadro epidemiologico”.

Apriamo in un contesto decisamente più favorevole di quello di alcune settimane fa – continua – . Siamo nella quinta settimana consecutiva di riduzione della diffusione del nuovo Coronavirus e fortunatamente osserviamo anche un calo della pressione sui servizi sanitari. Ovviamente, riaprendo, un pochino di ripresa dei casi potrà esserci, però come ha detto il presidente del Consiglio stiamo adottando una strategia graduale e progressiva, per ripristinare attività economiche e sociali rispetto alle quali vi era un’importante sofferenza del Paese a tutti i livelli”.

Locatelli ha fiducia per i prossimi tempi: “L’obiettivo è di riaprire per non chiudere più, per questo sono importanti gradualità e progressività. Senza queste caratteristiche il rischio di dover tornare indietro aumenterebbe. Rischieremo di meno se ognuno di noi farà la sua parte nel rispettare le regole che ormai tutti conoscono”.

COVID, NUMERI CONFORTANTI A PALERMO E PROVINCIA

PALERMO, SONO 870 LE BARE IN ATTESA AL CIMITERO DEI ROTOLI

SCUOLE IN SICILIA, ECCO LE LINEE GUIDA VALIDE DAL 26 APRILE

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI