Covid, Musumeci: “Sicilia in zona rossa? Speriamo di no, i numeri non sono al limite”

“Zona rossa in Sicilia? Speriamo di no”. Lo ha detto il presidente della Regione, Nello Musumeci, a margine della visita all’Istituto comprensivo “Ettore Romagnoli” di Gela. Il governatore sottolinea però come – in base alle indicazioni fornitegli dagli uffici – la Sicilia non sarebbe al limite della zona rossa: “Mi limito soltanto a guardare i numeri che mi passa il dipartimento. E oggi non siamo ai limiti per andare in zona rossa. Posso dire che già ai primi di maggio il peggio dovrebbe essere alle spalle”.

Rimarca poi i vari provvedimenti presi nelle ultime settimane: “Stiamo intervenendo con le zone rosse comunali e una provinciale, a Palermo. Gli operatori sono ovviamente quelli che pagano il prezzo più alto ma sono ottimista: se arrivano i vaccini e ci immunizziamo entro l’estate la pandemia sarà presto un triste ricordo”.

Musumeci si dice anche fiducioso anche per la tre giorni “open” dedicata ad AstraZeneca e afferma che i primi numeri in termini di partecipazione sarebbero già incoraggianti: “É un modo per utilizzare quasi 100mila dosi di vaccini che purtroppo rimangono nei frigoriferi”.

I DATI DEL MONITORAGGIO NAZIONALE

LA SANITA’ SICILIANA? PER GESTIRLA BASTANO I RITAGLI DI TEMPO

COVID, PARTE LA “TRE GIORNI” DI VACCINI SENZA PRENOTAZIONE

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI