Covid, Sicilia verso la “zona gialla”: numeri confortanti, da lunedì allentano le restrizioni

La Sicilia si avvia verso la “zona gialla”. I numeri degli ultimi giorni sono confortanti, come già nella scorsa settimana, quando non è scattato il passaggio di “colore” solo per un articolo del Dpcm che prevede un indice Rt sotto l’1 per 14 giorni consecutivi. Ora anche questa condizione potrà essere soddisfatta e dunque il giallo è davvero a portata di mano.

Nella giornata del 10 maggio, i nuovi casi positivi al Covid in Sicilia sono stati 589 a fronte di 19.530 tamponi processati. L’incidenza, che si è attestata al 3%, è calata rispetto al giorno precedente (3,44%) e la discesa è ancora più netta se si confronta con quella di lunedì 3 maggio (era al 5,1%). In calo anche il numero delle vittime: sono state sei, portando il totale a 5.566. Numeri confortanti anche dai ricoveri in terapia intensiva, che continuano a scendere.

Si cerca una svolta anche per quanto riguarda la campagna vaccinale. La Regione ha dato il via alle prenotazioni per chi ha più di 16 anni ed è affetto da lievi patologie. Il presidente Musumeci ha inoltre annunciato che, dopo la vaccinazione di massa nelle isole minori, partirà quella dei piccoli comuni montani. La Sicilia è sempre ultima in Italia per somministrazioni su dosi consegnate (80,5%), quindi si sta cercando un cambio di passo.

COVID IN SICILIA, I DATI DEL 10 MAGGIO

MAFIA, BLITZ NEL SIRACUSANO CONTRO IL CLAN TRIGILA 

MUSUMECI: “VIA ALLA VACCINAZIONE DI MASSA NEI PICCOLI COMUNI MONTANI”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI