Covid, Sileri: “A settembre 80% di vaccinati, altrimenti valutiamo l’obbligo”

Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, è stato intervistato per il quotidiano ‘La Stampa’ e ha fatto il punto sulla campagna vaccinale in Italia, ponendo l’obiettivo dell’80% degli immunizzati entro settembre.

“Questa è l’ultima chiamata alle vaccinazioni – afferma – . Se entro il 15 settembre non avremo superato la soglia dell’80% di popolazione che ha avviato il percorso di immunizzazione, dovremo valutare la possibilità di una forma di obbligo“.

Il sottosegretario sottolinea che l’obbligo potrebbe riguardare solo alcune fasce di età, quelle che “rischiano di più”. “Andrei a proteggere chi ha più di 40 anni – dice – . Non possiamo continuare a rallentare il lavoro ordinario degli ospedali. Con la variante Delta, che si è rivelata molto più contagiosa, dovremo salire all’80% della popolazione vaccinata. Forse anche qualcosa di più”.

E sulla possibile terza dose di vaccino, dice: “Se vedremo un aumento dei casi tra chi si era vaccinato, perché la copertura dell’immunizzazione è scesa con il passare dei mesi, si dovrà fare una terza dose. Ma aspettiamo di leggere dati e numeri”.

ACITREZZA, UCCISA UNA RAGAZZA: CACCIA ALL’EX FIDANZATO 

COVID IN SICILIA, NUOVA ORDINANZA DI MUSUMECI 

COVID A PALERMO, NUOVI ORARI PER I TAMPONI IN FIERA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI