Crisi Covid, erogati altri 4,6 milioni a 68 comuni per le famiglie in difficoltà

Il governo regionale, su proposta dell’assessore alla Famiglia, politiche sociali e lavoro, Antonio Scavone, ha liquidato 4,6 milioni di euro a 68 Comuni siciliani, da destinare alle famiglie in difficoltà per l’acquisto di beni di prima necessità.

Il trasferimento segue quello di 2,6 milioni avvenuto qualche giorno fa in favore di 28 enti locali e che porta così il totale erogato a 7,2 milioni di euro. Si tratta solo di una parte della dotazione da 30 milioni stanziata quest’anno dalla Regione – in aggiunta agli ulteriori 30 milioni liquidati l’anno scorso – ed erogabili soltanto a quei Comuni che sono riusciti a caricare sulla piattaforma informatica la rendicontazione di almeno il 50 per cento delle somme ricevute nel 2020.

“Noi continuiamo ad esserci – afferma l’assessore Scavone – i Comuni però facciano in fretta”. Le somme erogate possono essere utilizzate dalle famiglie per l’acquisto di beni di prima necessità, come generi alimentari, ma anche per il pagamento delle utenze.

“In un periodo di grave emergenza sociale causato dalla pandemia – prosegue l’assessore – si stima che sia aumentata almeno del 30 per cento la fascia di popolazione con gravi difficoltà economiche, i cosiddetti nuovi poveri. Con questa misura vogliamo alleviare i gravi problemi del quotidiano di queste persone e dare un aiuto concreto per fare la spesa o pagare la bolletta della luce. Non appena anche gli altri Comuni caricheranno sulla piattaforma i dati sulla spesa della prima tranche, trasferiremo immediatamente i restanti 23 milioni disponibili“.

ASTRAZENECA, IN SICILIA TRE GIORNI DI VACCINI SENZA PRENOTAZIONI

COVID, RIAPERTURA GRADUALE DA MAGGIO

COVID IN SICILIA, ALTRI TRE COMUNI IN ZONA ROSSA

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI