Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Crisi di Governo, cosa cambia per le regionali in Sicilia: Meloni dovrà cambiare strategia

Dopo avere ottenuto le elezioni anticipate, per Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, potrebbe essere necessario un cambio di strategia nei confronti dei ritrovati alleati, Lega e Forza Italia.

Se non vuole mettere a rischio il patto (che prevede che a chi prende più voti spetta la presidenza del Consiglio dei ministri) non può continuare a chiedere le presidenze delle regioni in cui si voterà tra quest’anno e il prossimo. Meloni, insomma, non può continuare a reclamare per il suo partito le presidenze di Sicilia, Lazio e Lombardia.

Dopo l’inaspettato regalo ricevuto da Lega e Forza Italia, la presidente di FdI, deve fare bene i conti. Perché se dovesse continuare con l’atteggiamento del “piglio tutto”, potrebbe rischiare di vedersi sfilare sotto il naso il ruolo che ambisce per sé: il ruolo che da anni spera di potere interpretare.

Meloni, visto che Lega e Forza Italia in Sicilia non intendono sostenere la ricandidatura di Musumeci, potrebbe rinunziare a piazzare la bandierina del suo partito in Sicilia. Sicuramente, Matteo Salvini non le consentirà di insidiare Attilio Fontana alla guida della Regione Lombardia. La leader di FdI dovrà decidere anche se forzare la mano sul candidato alla presidenza della Regione Lazio. Perché, in caso di sconfitta, potrebbe essere insidiata la sua eventuale poltrona di presidente del Consiglio dei ministri.

Dipende da Giorgia Meloni mettere “al sicuro” il suo eventuale ruolo di premier o intestardirsi su posizioni barricadere. Peraltro, le elezioni per la Regione siciliana, in teoria, potrebbero coincidere con le Politiche, che si potrebbero svolgere il 2 ottobre. È arrivato il momento di scegliere. Soprattutto per Giorgia Meloni.

PALERMO, MALTRATTAMENTI IN UNA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI: EMESSE SEI MISURE CAUTELARI

MAFIA, CONFISCATI BENI PER DUE MILIONI DI EURO A UN IMPRENDITORE DI GELA

PALERMO, SFRUTTAVANO IMMIGRATI COME “SCHIAVI DEL PULITO”: CINQUE ARRESTI

Categorie
politica
Facebook

CORRELATI