De Luca, esposto al Giornale di Sicilia. Il direttore Romano: “Veleno e irripetibili offese”

Prosegue la querelle tra Cateno De Luca e il Giornale di Sicilia. Il candidato alla presidenza della Regione e il presidente del Movimento, Ismaele La Vardera, hanno presentato un esposto per illecito deontologico nei confronti del giornalista Giacinto Pipitone. “In una fase così delicata della campagna elettorale la diffusione di una notizia falsa ha avuto conseguenze pesantissime sotto il profilo pratico e morale”, si legge in un estratto del comunicato a firma doppia.

Non si sono placati i toni dopo quanto accaduto domenica, con De Luca “infervorato” usare termini decisamente poco consoni al suo ruolo nei confronti del giornale e del suo cronista dopo la pubblicazione di un articolo sulle sue liste.

Marco Romano, direttore del Giornale di Sicilia, ha risposto con pacatezza nell’edizione odierna del quotidiano, ma condannando nettamente i toni del politico.

“Vogliamo rassicurare il signor Cateno De Luca, candidato alle elezioni regionali, che in un video pubblicato sui social – mentre sorseggia qualcosa – sputa fiele, veleno e irripetibili offese contro questo giornale e il suo cronista. Il Giornale di Sicilia si impegna sempre a puntare su una corretta e imparziale informazione. E se mai fa qualche errore – chi non ne fa – non esita a rimediare e correggere tempestivamente. Tutto il resto, tutti gli sguaiati improperi, le indecenti cosacce e i volgari epiteti da bettola che sono usciti dalla bocca del signor De Luca in un video social – mentre sorseggia qualcosa- si commentano da soli. Anzi, neanche da soli riescono a commentarsi. Lo conosciamo. Ci siamo abituati. Pazienza.

Nella diretta di oggi su Facebook il leader di Sicilia Vera conferma la denuncia “con un’azione di risarcimento danni importanti – dice De Luca -“. Ma non placa il suo fervore. “Abbiamo reso il giornalista martire. Ma abbiamo denunciato quest’opera di isolamento. Non ho necessità di fare uso di cose strane per inc***** perché ieri mentre facevo la diretta e ho fanc***izzato il buon Pipitone avevo un bicchiere con un goccino di amaro. Sono uno che si inc**** e basta”.

Anche Giacinto Pipitone ha detto la sua attraverso Facebook in un lungo post

PALERMO, IL RICORDO DI LIBERO GRASSI: FU UCCISO 31 ANNI FA DALLA MAFIA. LAGALLA: “EROE MODERNO”

DE LUCA: “GIORNALE DI SICILIA? FALSITÀ SULLE MIE LISTE. PEZZI DI M…”. LAGALLA: “TONI DISDICEVOLI”

PALERMO, VANDALIZZATO IL MURALE DELL’ARTISTA TVBOY DEDICATO A PAOLO BORSELLINO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI