Decreto di Natale: dieci giorni di “zona rossa” tra il 24 dicembre e il 6 gennaio

Il decreto di Natale è realtà: sotto le Feste ci sarà la stretta. Dal 24 dicembre  al 6 gennaio l’Italia sarà “zona rossa” nei giorni festivi e prefestivi: complessivamente saranno 10 i giorni in cui il lockdown sarà pressocché totale (cioè con le regole della zona rossa, con pochissime deroghe legate alle visite). Contestualmente il Consiglio dei Ministri ha approvato anche i ristori per ristoranti e bar per tutti i giorni di zona rossa (in cui sarà consentito solo asporto e domicilio).

Negli altri giorni il regime sarà di zona arancione, con una deroga per i piccoli comuni: si potrà infatti uscire dal proprio Comune, se la popolazione non supera i 5.000 abitanti e se il Comune dove ci si vuole recare è distante massimo 30 chilometri. Resta invece vietato recarsi nel capoluogo di provincia.

————————

Dal 24 al 27 dicembre, arriva la prima stretta:

CHIUSI negozi, bar, ristoranti (consentito solo l’asporto fino alle 22 e consegne a domicilio); aperti alimentari, farmacie, tabacchi, edicole e librerie.

VIETATI gli spostamenti senza valido motivo. Deroghe solo per lavoro, salute, urgenza (restano aperti anche i luoghi di culto): in tal caso sarà obbligatoria l’autocertificazione. CONSENTITO: svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva è consentito esclusivamente all’aperto ed in forma individuale.

VISITE DA PARENTI E AMICI: sarà consentito un solo spostamento al giorno per al massimo due persone (sono esclusi dal conto gli under 14, i diversamente abili e i conviventi non autosufficienti). Si può andare “verso una sola abitazione ubicata nella medesima regione”: se ci si sposta cioé per recarsi in un’abitazione privata (ad esempio dai nonni) il successivo spostamento dovrà essere quello del rientro presso il domicilio.

Dal 28 al 30 dicembre si torna alla zona arancione, mentre dal 31 dicembre al 3 gennaio ci sarà di nuovo il lockdown totale: divieto di uscire di casa (deroghe per lavoro, salute, urgenza); aperti solo alimentari, farmacie, tabacchi, edicole e librerie. Chi verrà trovato a circolare per strada in questi quattro giorni, senza motivo, verrà sanzionato con una multa da 400 euro a 1000 euro.

Il 4 gennaio si tornerà per un giorno alla zona arancione, mentre la nuova stretta arriverà il 5 e 6 gennaio: anche in questi due giorni sarà nuovamente zona rossa.

VACCINO COVID: A CHI SPETTA PRIMA? APPELLO DEI MEDICI

VACCINO COVID, RAZZA: “GIÀ 2500 ADESIONI TRA IL PERSONALE SANITARIO”

ARRESTATO GIUSEPPE COSTA, CONDANNATO PER LA MORTE DEL PICCOLO DI MATTEO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI