Denise Pipitone, 15 anni fa la scomparsa: Mazara del Vallo non la dimentica

“La manifestazione di Triathlon olimpico in programma domenica primo settembre sarà dedicata a Denise nel quindicesimo anniversario della scomparsa”.

Lo hanno annunciato il sindaco di Mazara del Vallo Salvatore Quinci e il presidente del consiglio comunale Vito Gancitano che hanno accolto al Palazzo di Città Piera Maggio e Piero Pulizzi, genitori di Denise, scomparsa improvvisamente il primo settembre 2004.

“Da 15 anni non si hanno più notizie della nostra concittadina Denise – ha detto Quinci – e tutti noi, in primis in genitori ed i familiari, chiediamo verità e giustizia senza abbandonare la speranza”.

LA VICENDA

Denise Pipitone aveva tre anni quando è scomparsa intorno alle 12 del 1° settembre 2004 a Mazara del Vallo, mentre si trovava nei pressi della casa della nonna materna.

Diversi gli spunti che si sono presentati negli anni agli investigatori, anche se le indagini si sono sempre concentrate nell’ambito della famiglia allargata.

Secondo l’ultima ricostruzione proposta dagli inquirenti Denise sarebbe stata rapita dalla sorellastra Jessica Pulizzi, anche lei minorenne, con la complicità della madre Anna Corona e dell’ex fidanzato Gaspare Ghaleb per motivi sottesi a “vendetta e gelosia perché Denise e Jessica Pulizzi sono figlie dello stesso padre, Piero Pulizzi. Il procedimento penale ha condotto al processo in cui sono stati imputati solo Jessica Pulizzi, con l’accusa di sequestro di minore, e Gaspare Ghaleb, per il reato di false informazioni al pubblico ministero.

La donna è stata assolta nel dibattimento di primo grado dal Tribunale di Marsala il 27 giugno 2013 e dalla Corte d’appello di Palermo il successivo 2 ottobre 2015. Assoluzioni confermate dalla Corte di Cassazione nell’aprile 2017. Per gli addebiti del coimputato è intervenuta nel corso del procedimento la prescrizione del reato.

I genitori non hanno mai perso la speranza di ritrovarla anche con un’informazione costante tramite il sito Cerchiamodenise.it.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI