Di Matteo: “Il sogno di Giovanni Falcone è stato tradito e ingannato. Le riforme…”

Il consigliere del Csm, Nino Di Matteo, è intervenuto nel corso del dibattito organizzato nella serata del 23 maggio a Palermo dalla rivista ‘Antimafia Duemila’ e ha parlato, tra gli altri temi, anche delle riforme in cantiere sulla giustizia.

“In questi 30 anni lentamente ma inesorabilmente la visione e il sogno di Giovanni Falcone sono stati delusi, traditi, ingannati, disattesi, proprio da quelle istituzioni che ipocritamente in queste ore partecipano al gran gioco delle finte e strumentali commemorazioni e che una volta tornate a Roma riprenderanno a lavorare per distruggere il patrimonio ideale diventato grazie al lavoro di Giovanni Falcone leggi dello Stato”, afferma.

“In tanti ipocritamente vi vogliono far credere che le riforme in cantiere, prima fra tutte la riforma Cartabia, possano sconfiggere quel male. Non è così – continua Di Matteo – . La riforma del sistema elettorale del Csm non eliminerà anzi rafforzerà il peso delle correnti all’interno del Csm. Perché la politica non ha alcun interesse a debellare un sistema del quale si nutre e trae vantaggio. È anche con questo sistema di controllo della magistratura che la politica è riuscita a isolare e neutralizzare magistrati troppo liberi e indipendenti e anche attraverso questo sistema che la politica riesce a valorizzare i magistrati che vengono ritenuti affidabili perché prevedibili nelle loro condotte e controllabili”.

LAGALLA PRESENTA LA LISTA “LAVORIAMO PER PALERMO” A VILLA ZITO: “VALORE POLITICO AGGIUNTO”

CUFFARO: “IO NON QUERELO I ‘PIF’. REPUBBLICA DICE CHE NON ERO SUL PALCO? VOGLIONO IL LINCIAGGIO”

MESSINA, SCOPERTO UN SISTEMA DI FRODI FISCALI: SEQUESTRO DI BENI DA 300 MILA EURO

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI