Gesip: Orlando e Cammarata indagati. “Aggravarono la situazione debitoria”

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e l’ex primo cittadino, Diego Cammarata, insieme a commissari, liquidatori e manager, sono indagati dalla Procura della Repubblica di Palermo per la bancarotta della Gesip Spa, dichiarata fallita nel 2015.

Il fascicolo ora comprende 19 nomi ad aver ricevuto un avviso di conclusione delle indagini. Tra questi, ci sono anche Cammarata, Orlando e  Luisa Latella, che del comune fu commissario tra gennaio e maggio 2012. Avrebbero tutti contribuito ad aggravare il dissesto della Gesip, società in house del Comune di Palermo, socio unico.

Il dissesto contestato ammonta a 29 milioni di euro,accumulati tra il 2008 e il 2012. Secondo la Procura e i finanzieri del Gruppo tutela spesa pubblica del Nucleo di polizia economico finanziaria, “i liquidatori, gli amministratori e i sindaci avrebbero perseverato nella amministrazione della società pur in presenza di un gravissimo squilibrio patrimoniale e di indebitamento elevatissimo, i componenti dei collegi sindacali per avere omesso di vigilare adeguatamente sull’operato degli amministratori e dei liquidatori, astenendosi da richiedere la dichiarazione di fallimento”.

SICILIA ZONA GIALLA, LE DICHIARAZIONI DI MUSUMECI

LA SICILIA DIVENTA ZONA GIALLA DAL 29 NOVEMBRE

COVID, SICILIA SOTTO LA SOGLIA CRITICA: LO DICE L’ISS

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI