Dissesto idrogeologico: al via la messa in sicurezza a Piraino e Torretta

Dalla Regione Siciliana la notizia di due operazioni di messa in sicurezza per contrastare il dissesto idrogeologico.

Innanzitutto, dal 2010 si attendeva un intervento a Piraino, nel Messinese, nel tratto di costa di Calanovella. Oggi, invece, è stata indetta la procedura negoziata per l’affidamento dei lavori urgenti che serviranno a proteggere e a riqualificare il litorale che presenta segni evidenti di dissesto. Le mareggiate hanno provocato il crollo dei muri di contenimento, dei marciapiedi e di parti della sede stradale, oltre a diversi danni alle abitazioni e alle numerose strutture ricettive, campeggi, villaggi e alberghi. L’area interessata vive soprattutto di turismo e il fenomeno dell’erosione costiera è ben presente se si considera il progressivo arretramento della linea di battigia di decine di metri che si è registrato negli ultimi anni.

Tra le misure che verranno adottate per contrastare l’azione erosiva del mare e garantire l’incolumità pubblica e privata, il rafforzamento delle scogliere esistenti e che verranno estese nelle parti mancanti per creare una barriera di protezione in pietra naturale, con una base di tre metri e una altezza media di due.

Poi, sta per essere realizzato il progetto esecutivo che interessa il territorio di Torretta, nel Palermitano, ovvero tre chilometri d’asfalto, quelli compresi tra il settimo e il decimo, chiusi al traffico dal 2011 con un’ordinanza dell’allora Provincia regionale di Palermo a causa dei continui fenomeni di caduta massi.

Si tratta du lunga storia di disagi e di rischi quella della strada provinciale 1, la principale via d’accesso al Comune di Montelepre. Le pareti rocciose che lo sovrastano hanno mostrato nel tempo una accentuata friabilità e, specie dopo piogge intense, riversano sul manto stradale detriti e pietre, anche di grosse dimensioni. Adesso, grazie all’intervento dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce, sta per essere realizzato il progetto esecutivo per avviare un consolidamento delle scarpate.

La gara, appena pubblicata, prevede anche la realizzazione delle indagini geologiche e geotecniche e le domande di partecipazione potranno essere presentate entro il prossimo dodici novembre. Il finanziamento complessivo per l’intervento è di un milione e 915mila euro.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI