Dopo 50 anni a Palazzo Reale si rivive lo sbarco sulla luna

Dopo 50 anni a Palazzo Reale si rivive lo sbarco sulla luna. Si rivivranno in un evento straordinario tutti quei momenti clou della missione spaziale della Nasa culminata con l’uomo che posa il piede sul suolo lunare. In quel luglio del 1969 fu dato il via alla nuova era spaziale e quei momenti dell’allunaggio dell’Apollo 11, saranno rivissuti martedì 16 luglio con “Destinazione Luna” che farà rivivere quell’impresa con l’impiego delle nuove tecnologie. Un evento della  Fondazione Federico II e dell’Assemblea regionale siciliana con l’Inaf, Osservatorio astronomico di Palermo, e il supporto tecnologico di Lenovo.

I visitatori saranno accolti nel cortile Maqueda, dove saranno proiettati video e filmati d’archivio in una immersione nella cosiddetta “realtà virtuale” e rivivranno lo sbarco grazie all’ausilio di 15 visori di ultima generazione.

Nello stesso cortile saranno esposti periodici e quotidiani originali del 1969 che raccontarono l’allunaggio. Nei Giardini Reali saranno proposte poi osservazioni astronomiche della Luna con i preziosi contributi degli astronomi.  Inoltre si potrà indossare la tuta degli astronauti per avere una foto ricordo.

Per Gianfranco Miccichè, presidente dell’Ars, “Palermo diventa la terza città italiana dell’apprendimento permanente riconosciuta dall’Unesco. Si tratta di un riconoscimento importante che ha l’obiettivo di sostenere processi educativi e culturali come quelli che, in occasione dell’evento ‘Destinazione Luna’, l’Assemblea regionale e la Fondazione Federico II hanno stretto con l’Inaf e l’Università di Palermo”.

“La Luna – dice Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione Federico II – rispecchia la cultura di ogni popolo. E proprio qui, a Palazzo Reale, luogo dove l’incontro tra la cultura, l’arte e la storia regna da secoli abbiamo scelto di dedicare un evento per i cinquant’anni dello sbarco sulla Luna. Per ricordare a chi c’era la straordinaria conquista legata alla tecnologia come un fatto culturale. E a chi non c’era l’enorme sforzo dell’ingegno umano. La Luna divenne allora qualcosa di religioso. Un simbolo di tutti noi alla continua ricerca di mondi nuovi senza saperne il perchè”. La data scelta per celebrare i cinquant’anni dell’allunaggio di Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins è il 16 luglio, data della partenza dell’Apollo 11. Si verificherà un’eclissi parziale del satellite naturale della terra alle 22.12 con un picco che sarà raggiunto alle 23,30”.

In occasione della rievocazione della missione dell’Apollo 11 la Fondazione ha organizzato l’apertura straordinaria della mostra “Castrum Superius. Il palazzo dei re normanni” allestita nelle sale Duca di Montalto.

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI