retata antidroga dda palermo 32 arresti

Droga ai professionisti della “Palermo bene”, retata con 32 arresti /I NOMI

Retata antimafia nel corso della notte a Palermo. I carabinieri del Comando Provinciale di Palermo hanno arrestato 32 persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsioni aggravate dal metodo mafioso, favoreggiamento aggravato, trasferimento fraudolento di valori, sleale concorrenza aggravata dalle finalità mafiose, spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi.

Questi i nomi degli arrestati in carcere: Francesco Arcuri, 38 anni; Paolo Calcagno 52; Giuseppe Corona, 50; Tommaso Di Giovanni 52; Gregorio Di Giovanni, 56; Michele Madonia 48; Francesco Pitarresi, 29; Gaspare Rizzuto, 36; Filippo Maniscalco, 25; Settimo Spitaliere, 36; Costantino Trapani, 50; Giulio Affranchi, 69; Salvatore De Luca, 50. Ai domiciliari sono finiti Pietro Burgio, 33; Cristian Caracausi, 23; Gioacchino Cirivello, 49; Andrea Damiano, 41; Salvatore De Santis, 25; Alessandro Angelo Di Blasi, 31; Benedetto Graviano, 27; Alessio Haou, 29; Antonino Pisciotta, 42; Antonio Sorrentino, 51; Rosalia Spitaliere, 41; Salvatore Sucameli, 32; Vincenzo Toscano, 31; Sebastiano Vinciguerra, 58; Salvatore D’Oca, 35; Giovanni Maniscalco, 48; Khemais Lausgi, 30; Gandolfo Emanuel Milazzo, 25; Fabrizio Nuccio, 27. 

L’inchiesta, coordinata dalla Dda di Palermo, conferma che è ancora la droga il principale business di Cosa nostra a Palermo. Sono state registrate dai carabinieri centinaia di richieste di acquisto per uso personale anche da parte di imprenditori e liberi professionisti della cosiddetta Palermo bene. L’inchiesta ha individuato due diverse attività, una imprenditoriale e l’altra commerciale, ritenute riconducibili ai vertici di Cosa nostra, ma intestate a prestanome. Le attività sono state sequestrate. E’ stato inoltre contestato ad alcuni indagati il reato di illecita concorrenza aggravata dal metodo mafioso perché è emerso che i clan imponevano la fornitura di caffè a bar del loro territorio. Infine, sono stati individuati i presunti autori di 5 estorsioni nei confronti di imprenditori e commercianti costretti a pagare il pizzo.

Si tratta sostanzialmente della prosecuzione della attività investigativa che nei mesi scorsi ha “colpito” il mandamento mafioso di Porta Nuova e poi a scoprire la ricostituzione della Cupola di Cosa nostra, tornata a riunirsi dopo vent’anni, il 28 maggio scorso, ad Altarello di Baida. Quel blitz portò in carcere il boss Gregorio Di Giovanni, indicato come uno dei rappresentanti della nuova Cupola. Le indagini successive hanno accertato che Di Giovanni, dopo la scarcerazione seguita a una condanna passata, aveva immediatamente affiancato il reggente del mandamento Paolo Calcagno, prendendone poi il posto alla guida della “famiglia” dopo l’ arresto.

Da allora, secondo le indagini, era diventato lui il capo del clan: per un periodo suo vice era stato il fratello Tommaso, poi anche lui arrestato. Il capomafia è stato affiancato nella gestione delle attività illecite da uomini di fiducia di diversi quartieri del centro della città. L’inchiesta, oltre a ricostruire gli assetti mafiosi, ha svelato che Calcagno, dal carcere, dava ordini per il sostentamento della sua famiglia. Nel corso dei colloqui in carcere forniva alla moglie e al cognato indicazioni sui soggetti cui rivolgersi per ricevere le somme di denaro che spettavano loro e i profitti degli investimenti economici realizzati in attività commerciali pienamente funzionali e attive.

 

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI