carabinieri

Droga, comunità d’alloggio trasformata in centrale di spaccio: 7 misure cautelari

Una comunità alloggio per disabili psichici di Favara, nell’Agrigentino, era stata trasformata in centrale di spaccio di droga. A bloccare lo smercio illegale sono stati i carabinieri della Compagnia di Agrigento e della Tenenza di Favara che hanno eseguito 7 misure cautelari, firmate dal gip del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto, su richiesta del procuratore Salvatore Vella.

Secondo i risultati dell’inchiesta, denominata “Dark Community”, gli indagati rifornivano di sostanze stupefacenti gli ospiti della struttura con problematiche di tossicodipendenza, o di natura psichica, con la compiacenza, e in alcuni casi la correità di responsabili e dipendenti della comunità.

L’indagine è stata avviata nel novembre del 2020, dopo diverse segnalazioni, tra cui quella di una donna, ospite della struttura, che aveva denunciato di avere subito minacce, e di essere stata abusata sessualmente, come corrispettivo nella compravendita della droga.

Sono state avviate intercettazioni telefoniche e riprese video che hanno consentito di accertare quella che è stata definita, dagli inquirenti, come una strutturata piazza di spaccio all’interno della comunità alloggio per disabili psichici di Favara.

GRAVI ILLECITI FISCALI, CONFISCATI BENI PER OLTRE 4 MILIONI DI EURO A UN COMMERCIALISTA DI GELA

INCIDENTE SULL’AUTOSTRADA PALERMO-MESSINA, DOPO 5 GIORNI MUORE UNA DONNA DI 62 ANNI

PALERMO, RIAPRE LA PISCINA COMUNALE. “L’ATTENZIONE RESTA SEMPRE MOLTO ALTA”

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI