omicidio antonio e giuseppe lupo zen

Duplice omicidio a Palermo, padre e figlio uccisi in un agguato allo Zen

Due persone, padre e figlio, sono state uccise con colpi d’arma da fuoco in un agguato avvenuto nel tardo pomeriggio nel quartiere Zen di Palermo. Le vittime sono Antonino Lupo, di 53 anni, e il figlio Giacomo, di 19. L’imboscata è scattata in via Rocky Marciano, a poca distanza dalla loro abitazione di via Agesia di Siracusa.

I due sono stati trasportati in gravi condizioni nel Pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia dove sono arrivati già senza vita. I due cadaveri sono stati trasferiti nella camera mortuaria, in attesa del medico legale che dovrà eseguire l’autopsia e del sostituto procuratore di turno.

Davanti al Pronto soccorso di Villa Sofia si è radunata una folla composta da parenti e amici delle due vittime che hanno dato in escandescenze; gli agenti di polizia intervenuti sul posto hanno dovuto faticare non poco per sedare gli animi e mantenere la situazione sotto controllo.

Secondo quanto risulta negli schedari della polizia Antonino Lupo ha numerosi precedenti penali, tutti per reati legati allo spaccio di stupefacenti. Il figlio sarebbe incensurato.

Sul profilo Facebook del ragazzo, fra le altre, c’era una foto di Al Pacino accompagnata da un commento: “Fermare me è come fermare il tempo. Impossibile”.

Ieri i due avevano festeggiato in famiglia il compleanno di Giacomo, conosciuto per la passione per il pugilato. Una festa che, secondo alcune testimonianze, sarebbe stata turbata da qualche discussione. E anche su questo si sta concentrando l’attenzione degli inquirenti.

Categorie
attualità
Facebook
Video

CORRELATI