É morto a Palermo Massimo Bellomo: giornalismo siciliano in lutto

Massimo Bellomo, 59 anni, è morto a Palermo. Giornalista professionista, da tempo lottava contro una malattia che non gli ha lasciato scampo. Per anni è stato all’ufficio stampa della provincia di Palermo, poi ha curato l’informazione per l’azienda ospedaliera Villa Sofia e Cervello.

Sempre cordiale con i colleghi ha rappresentato per anni un punto di riferimento per quanti hanno fatto cronaca in questa città. Bellomo era tesoriere dell’associazione siciliana della stampa. Lascia la moglie e due figli.

“Il giornalismo siciliano perde un professionista serio e di grande spessore, che abbiamo avuto modo di conoscere e di apprezzare durante il suo percorso professionale con noi”. Lo afferma Walter Messina, direttore generale dell’azienda “Ospedali Riuniti Villa Sofia – Cervello” appresa la notizia della prematura scomparsa di Massimo Bellomo Ugdulena, già addetto stampa dell’Azienda. La direzione strategica ed il personale tutto esprimono vivo cordoglio e commossa vicinanza alla famiglia in questo momento di grande dolore”.

Il Partito Democratico all’Ars ha espresso il proprio cordoglio “per la scomparsa di Massimo Bellomo, apprezzato e stimato giornalista che prima del suo ultimo incarico all’ufficio stampa dell’Azienda Villa Sofia-Cervello, per anni si è occupato della comunicazione all’allora Provincia Regionale del capoluogo siciliano”.

Il gruppo Udc all’Ars ricorda Bellomo come “un professionista di grande valore che ha saputo svolgere al meglio la sua attività di comunicatore pubblico sia alla Provincia regionale di Palermo che presso gli ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello. Uomo mite e giornalista dalla schiena dritta ha caratterizzato la sua attività anche per l’impegno nel sindacato dei giornalisti. Scompare un professionista che è stato punto di riferimento per gli uffici stampa della pubblica amministrazione in Sicilia”.

ALLARME IN UN RSA DI PALERMO: 66 POSITIVI

PALERMO CALCIO: 7 POSITIVI. MA IL DERBY SI GIOCA

ORLANDO CHOC: “SI VA VERSO UNA STRAGE ANNUNCIATA”

UN NUOVO PARTITO E UNA NUOVA COALIZIONE DI CENTRO?

Categorie
attualità
Facebook

CORRELATI